Archivio Autore

Francesca Ferri

Francesca Ferri

Una passione per la letteratura e le parole in tutte le sue forme.
Laureata in lingue e letterature moderne a La Sapienza di Roma, inizio ad entrare nel difficile mondo del giornalismo.
un’irrefrenabile curiosità e un’inevitabile attrazione per popoli e culture diverse dalla mia mi porta a viaggiare, girare e scoprire.
Un erasmus a Parigi poi, é stato per me luogo d’incontro con il mondo e con i mondi, oggi il mio luogo dell’anima.

“VIVA LA LIBERTÀ” O LA POLITICA ITALIANA ALLO SPECCHIO

Written by Francesca Ferri. Posted in Parole in cerca d'autore

1072232_544130552289899_207310102_o

“Viva la libertà” o la politica allo specchio

“Quando la speranza non c’è più, bisogna inventarla”, così, citando Camus, afferma Roberto Andò, regista del film “Viva la libertà” uscito a febbraio nelle sale italiane, trasposizione cinematografica del suo libro “Il trono vuoto” (Bompiani) che sembra riflettere l’attuale situazione politica italiana, sebbene il libro sia stato pubblicato tre anni fa e il film girato quando le ultime elezioni non erano ancora state pensate. L’arte ancora una volta coglie in anticipo quel che c’è nell’aria, svelando il romanzesco, e il ridicolo, della realtà e della politica.

La parola vuota

Written by Francesca Ferri. Posted in Parole in cerca d'autore

1072232_544130552289899_207310102_o

La parola vuota

Quando la tecnologia ruba all’uomo la sua umanità si finisce per assomigliare sempre più a quelle macchine da noi prodotte e accuratamente perfezionate.
Quando la nostra giornata inizia con un tweet e finisce con un post su facebook, alternandoci in modo maniacale tra smartphone, tablet, pc e iPod, ci rendiamo conto che il nostro ritmo biologico si èadeguato al funzionamento di tutti i dispositivi tecnologici che ci hanno invaso la casa, richiamando la nostra attenzione con costanti emanazioni sonore e luminose.

Note vagabonde per le vie del Mediterraneo

Written by Francesca Ferri. Posted in Parole in cerca d'autore

1072232_544130552289899_207310102_o

Matera. Intervista a Claudio Del Vecchio, fisarmonicista dei “Guappecartò

Métro Corentin Celton. Sorprendente e rara giornata di sole a Parigi. Seduto al caffé, coppola in testa e sguardo perso tra i passanti, riconosco immediatamente Claudio, fisarmonicista del gruppo musicale Guappecartò. D’un tratto mi ritorna alla mente la loro Aria Italiana, poi la sua t-shirt del “ragnatela folk festival” di Matera mi riscalda più del passeggero sole parigino.

Dopo le presentazioni e i primi sorrisi di circostanza, il suo inconfondibile accento lucano e la spontanea complicità di chi proviene dalla stessa terra, prendono il sopravvento sugli iniziali modi francesi. E subito mi sento a casa.

Un lucano a Parigi

Written by Francesca Ferri. Posted in Parole in cerca d'autore

1072232_544130552289899_207310102_o

“Urla la nostra canzone araba/ perché solo agli zingari noi abbiamo creduto/ e solo gli zingari ci fanno ridere/ e piangere/ così per diletto”, così cantava il poeta di Tricarico Rocco Scotellaro. Le stesse sensazioni di euforia e nostalgia nel riscoprire le proprie radici, ho provato visitando il laboratorio di Vittorio Vertone a Pietragalla. Con entusiasmo e sincera umiltà l’artista mi ha mostrato i dipinti che ha esposto al Carrousel del Louvre dal 21 al 23 ottobre. “Sono partito pittore, sono tornato artista”, afferma Vertone a proposito dell’esperienza parigina.