Il contatto corporeo

Written by Antonella Amodio. Posted in Biodanza

nsi 2Il contatto corporeo, che ci piaccia o no, resta uno dei bisogni primari dell’essere umano.
I bisogni primari sono bisogni vitali, ineludibili se non ad un costo molto elevato per la sopravvivenza degli individui. A volte, come per il bere ed il mangiare, a costo della vita stessa, altre, come per quello di una tana, un riparo, un nido o come quello di poter vivere la propria sessualità, se non mortali, sicuramente estremamente destabilizzanti.
Nello specifico, la mancanza di contatto corporeo nei primissimi mesi di vita può essere addirittura fatale.
Alcuni studi di diversi anni fa, condotti su neonati ospiti in strutture di accoglienza, in particolari situazioni di calamità che comportavano un elevata presenza di piccoli a fronte di uno scarso numero di operatori che garantiva loro le cure indispensabili (alimentazione e igiene) ma non un prolungato contatto corporeo, hanno mostrato come alcuni si lasciassero addirittura morire. Dunque il contatto corporeo per loro si dimostrava indispensabile, più della stessa nutrizione. Si cresce, si impara a sopravvivere anche in mancanza di esso ma non è pensabile che questa carenza non incida negativamente sull’equilibrio psicofisico degli individui.
Ovviamente nel caso dei piccoli, si parla di un contatto affettivo e nutriente, ovviamente chi, adulto, evita il contatto con gli altri membri della propria specie, non necessariamente evita quello con gli individui affettivamente significativi per lui ma, inevitabilmente, alcune estremizzazioni delle espressioni di questo evitamento, si tingono dei colori del disagio psicologico.

Siamo tutti collegati

Written by Donatella Vitale. Posted in Biodanza

“Noi siamo un organo del cosmo, non siamo separati.
Se la forza di gravità della terra sparisse, noi non potremmo più camminare, il sangue non circolerebbe; vuol dire che la forza di gravità è un organo della nostra motricità.
L’aria è un organo del nostro polmone e del nostro sangue, senza l’aria il nostro polmone non funziona, funziona solo con l’altra parte del nostro organo che è l’aria.
Il sole è una parte di noi, i centri regolatori della temperatura sono in rapporto con il sole.
Non siamo separati dall’universo, siamo un organo vivo insieme, con l’universo.
L’organo più importante che noi abbiamo sono le altre persone. La gente non si rende conto che se non c’è l’interazione con le altre persone noi non esistiamo.
L’organo più importante per noi è la specie umana.”
Rolando Toro

Cos’è Biodanza

Written by Donatella Vitale. Posted in Biodanza

“Biodanza è danzare la vita, con se stessi e con gli altri, con la natura e con l’universo.

E’ fluire con la freschezza di una sorgente, la leggerezza dell’aria e l’impeto del vento, la profondità del mare, l’impetuosità di un fiume in piena, l’istante di una fiamma, la pulsazione della terra all’unisono col cuore.

E’ l’accoglienza del gruppo, la libertà di una danza individuale, il piacere di una danza a due, è l’incanto di un sorriso, l’emozione di uno sguardo, il rapimento di un gesto, la ritualità di una ronda, una carezza che scorre sulla pelle, l’emozione di un incontro, la presenza in un abbraccio, il coraggio del silenzio, la semplicità della passione.

Ed è danzare tutto questo nella vita tutta, in ogni momento, come attimo eterno.

Per me è questo.”