Dicembre, mese di prevenzione contro la violenza assistita

Written by Antonella Amodio. Posted in Occhi sul mondo

Manifesto 3 SitoPrima domenica di dicembre, il mese che l’immaginario collettivo colora con i colori del cuore..L’associazione Yin-sieme ha voluto dedicarlo ad una campagna contro la violenza assistita che vede vittime i bambini. La campagna  è auto finanziata e parte ‘dal basso’, nessun patrocinio dunque ma la consapevolezza di ognuno di noi, ti chiediamo così di partecipare condividendo questo post, se lo ritieni, con quanti più amici hai..grazie di cuore,Yin-sieme tutto è più facile!

Gli abiti di Frida Kahlo: strumento di espressione artistica e politica

Written by Rossella Grenci. Posted in Occhi sul mondo

10115830

 

Alla scoperta di Frida Kahlo e di una società matriarcale sconosciuta, quella di Juchitán, nel Messico del Sud, dove l’artista aveva le sue radici.  Nell’abbigliamento di Frida si può intravedere la sua intenzione di  aderire a principi socialisti e femministi e così gli abiti dell’artista diventano uno strumento di espressione politica oltre che espressione artistica, come spiegato qui:

Anziché farsi arrivare abiti confezionati dall’Europa, Frida sceglie tessuti esotici provenienti dalla Cina, pizzi europei e coloratissimi filati messicani che poi il sarto assembla per appagare la visione originale e personale della pittrice.

Tutto questo emerge dalla collezione dei suoi abiti e accessori che rivive per la prima volta nell’esposizione “Appearances Can Be Deceiving: The Dresses of Frida Kahlo” presso il Museo Frida Kahlo di Città del Messico.

Via Castellana Bandiera

Written by Graziella Mistrulli. Posted in Occhi sul mondo

cover600

”Via Castellana Bandiera’, questo è il titolo del film di Emma Dante, è una stradina della periferia di Palermo da cui la società sembra essersi dileguata per lasciare il campo a due donne, dure e irremovibili, l’una in lotta contro l’altra. Due età diverse, due mondi che si scrutano a lungo e sembrano non capirsi.
Ma passano le ore e forse queste due donne qualcosa in comune ce l’hanno: riflettono sulle loro vite, i loro sogni, i dolori, il passato e il presente, e arrivano ad una decisione ……
Via Castellana Bandiera è alla fine sgombra, è un flusso di gente in corsa verso il tragico epilogo di quella giornata, sulle note di un canto struggente e oscuro che ci stringe il cuore.

Io sono Malala. Il mio mondo è cambiato ma io no.

Written by Rossella Grenci. Posted in Occhi sul mondo

malala-2

Un anno fa Malala Yousafzai sopravvisse ad un tentativo di omicidio da parte dei talebani. La sua colpa: aver pubblicamente chiesto che tutti i bambini e le bambine pakistane ricevessero un’istruzione. Oggi Malala vive in Inghilterra e la sua storia, insieme a quella del suo paese, sono riportate in un libro: Io sono Malala, scritto insieme alla giornalista Christina Lamb.

Dedicato a

A tutte le ragazze che hanno affrontato l’ingiustizia e sono state zittite.