L’AID di Potenza presenta la sesta edizione di “incontriamoci e parliamo di…”

Written by Angela Geraldi. Posted in DSA

La sezione di Potenza dell’Associazione Italiana Dislessia, lunedì 7 ottobre alle ore 17.00, presenta il programma della 6° edizione di “Incontriamoci e parliamo di…”, un ciclo di 10 seminari con inizio ad ottobre 2013 e termine ad aprile 2014.

L’AID di Potenza è presente sul territorio da 11 anni con lo scopo di diffondere conoscenze e competenze che possano essere d’aiuto ai ragazzi con dislessia ecc.
I seminari, infatti, sono rivolti ai genitori di ragazzi dislessici, ai docenti delle scuole di ogni ordine e grado, ai logopedisti, agli psicologi ed a tutti coloro interessati agli argomenti trattati.

In questa 6° edizione interverranno specialisti nel campo della pedagogia, della ricerca medica e professionisti in generale sia di livello locale che nazionale. La presentazione del programma (che sarà distribuito a tutti i partecipanti) ed i seminari si svolgeranno di lunedì o giovedì, dalle 17.00 alle 19.00, presso l’Aula Magna dell’Istituto Comprensivo “Potenza III” (ex Scuola Media “Luigi La Vista”) in via Enrico Toti a Potenza.

Per ulteriori informazioni si può inviare una mail all’indirizzo: dislessia@alice.it
consultare il sito della sezione AID di Potenza: http://aidpotenza.blogspot.it/
telefonare alla referente genitori dell’AID di Potenza: sig.ra Annalucia Gagliardi
347 61 85 275

Marcella Santoro
presidente sezione di Potenza
dell’Associazione Italiana Dislessia

M. Santoro 338633639

Trackback dal tuo sito.

Angela Geraldi

Angela Geraldi

Sono docente di Educazione Fisica specializzata in Cinesiologia Correttiva e Rieducativa e nell’insegnamento di sostegno. Insegno, infatti, ad alunni diversamente abili nella Scuola Secondaria di I grado.
Da qualche anno mi occupo anche di DSA e sono referente per gli insegnanti della sez. AID di Potenza. L’incontro con il “pianeta dislessia” è avvenuto per caso ma è stato subito coinvolgente e affascinante. Credo che i DSA rappresentino una delle sfide più importanti per la Scuola e per noi insegnanti. Solo noi, infatti, con le giuste strategie e la collaborazione della famiglia, possiamo guarire gli alunni dislessici dal “mal di scuola”. Sicuramente avere un nipote dislessico mi permette di vivere e, spero, capire il problema dai diversi punti di vista: quello degli alunni, quello dei genitori e quello degli insegnanti.
Come tutti, ho anch’io delle passioni e degli interessi: amo il movimento e lo sport (ho giocato a basket per vent’anni, ma ho anche praticato nuoto, tennis, sci); mi piacciono la lettura, il cinema, i viaggi…

Lascia un commento