Sul terrazzo del museo la sera del sette luglio ….

Written by Franca Crocetto. Posted in Occhi sul mondo

  • 0000
  • 0001
  • 0002
  • 0003
  • 0004
  • 0005
  • 0006
  • 0007
  • 0008
  • 0009
  • IMG_7263
  • IMG_7264
  • IMG_7267
  • IMG_7268

 

E’ proprio vero che se credi in qualcosa, se sei ottimista, tutto gira nel verso giusto … e anche il cielo questa volta ha assecondato i desideri! Dopo un pomeriggio di pioggia violenta è seguita una serata fresca sì, ma senza pioggia. Anche la nebbia sembrava fosse giunta apposta in uno scenario bellissimo, quasi a voler creare un ulteriore effetto suggestivo, se ce ne fosse stato bisogno!
Il museo è un luogo dell’anima … il terrazzo è il suo completamento, con la vista sull’antico quartiere che si affaccia sul burrone. Alessandro mi ha chiesto “Ma come si accede a quelle case? Sembra che da una si entri nelle altre, che non ci siano strade!”  In effetti è un continuum di tetti, il quartiere è un tutt’uno, laddove si sono sempre condivisi anche gli spazi, in una vita di comunità rassicurante e di sostegno. Una amica canadese, architetto del paesaggio, ha regalato tempo fa a Muro un progetto di giardino. In quel progetto uno spazio era pavimentato da tegole di argilla che la gente, calpestando, avrebbe frantumato per sentire il rumore del suo passaggio. Diceva di averlo pensato così perché, vedendo per la prima volta Muro, era stata colpita dai tetti del paese, le sembrava che la posizione delle case avessero creato un unico grande tetto e che la gente, per raggiungere la propria casa, vi dovesse camminare sopra! L’altra sera la nostra amica, Anna, era sul terrazzo del museo, si è emozionata con noi, ha goduto di quell’atmosfera magica che la voce di Tania e il suono degli strumenti hanno creato, insieme al profumo inebriante della lavanda. C’era magia quella sera sul terrazzo del museo, nello sguardo della gente che si sorprendeva alla vista del paradiso in terra …. nel sorriso di chi scopriva ogni volta un angolo nuovo … nel cuore delle persone che si apriva alla bellezza …. nella passione che rinasce ogni volta che qualcuno crede in te e ti fa sentire il suo amore.

Quella strana sera d’estate Yin-sieme ha portato il Jazz a Muro Lucano….
con il Caramel Caravan Quartet (e Tania Carella)

…. hanno fotografato Rossella Grenci e Filippo Verova

Trackback dal tuo sito.

Franca Crocetto

Franca Crocetto

Responsabile yin-sieme Muro Lucano

Sono franca, sempre!
È forse la mia caratteristica e la porto impressa nel nome. Non riesco a non esserlo, anche quando dovrei,
dico subito se una cosa mi piace o non mi piace e … mi piace la gente, la sua storia, mi piacciono gli occhi e
tutto quanto esprimono, anche quando sono occhi che piangono. Mi piace leggere, viaggiare, progettare!
E’ il mio lavoro, progettare, e quando lo faccio mi piace anche l’ansia di fronte al foglio bianco, il sentirsi un
pochino lucignolo, incapace e poi improvvisamente capace di tirar fuori tutti i miei sogni. Ecco perché amo
la biodanza: mi si scatena la voglia di … esprimo finalmente me stessa, non ho più timore, sono io, posso
farmi sentire! Facciamoci sentire, allora!

Lascia un commento